I tesori dell’Umbria tornano a brillare in un’unica grande mostra

Umbria

Eccola, la grande esposizione che, prendendo spunto dallo storico allestimento del 1907, celebra i vertici dell’arte regionale tra Medioevo e Rinascimento. 130 opere di autori quali Arnolfo di Cambio, Gentile da Fabriano, Niccolò Liberatore, Benozzo Gozzoli, Matteo da Gualdo, Pintoricchio e Perugino solo per citare i più famosi, in un percorso che si snoda a fianco della Galleria Nazionale tra la Sala Podiani e il piano superiore, con un allestimento, firmato Daria Ripa di Meana e Bruno Salvatici, di forte impatto visivo: fondo blu che esalta l’oro dei dipinti del ’400 e ’500.

I capolavori potranno essere ammirati fino al 10 giugno anche con speciali visite guidate in cui verranno svelate storie e curiosità legate sia alla mostra attuale che all’evento straordinario di un secolo fa.

Servizio tratto da La Nazione Umbria di oggi.